Il mio nome figura tra i ringraziamenti nelle due guide EDT/Lonely Planet, Thailandia - Settima edizione, India del Sud - Sesta edizione, Cina - Quarta edizione per le precisazioni alle versioni precedenti, di seguito riportate


Guida EDT/Lonely Planet
Thailandia - Settima edizione

- A Chiang Mai abbiamo dormito nel consigliato Buarwong Hotel ma abbiamo visto un altro albergo aperto di recente nei pressi del Wat Phan Tao. L'albergo si chiama Parasol Hotel, molto ben arredato con mobili in stile thai, pulitissimo, con un Internet point al piano terra. Il prezzo per una doppia con colazione inclusa si aggira attorno ai 600/700 bath.

- A Chiang Khan abbiamo dormito nella Sam's Guesthouse. Segnalate come unico collegamento ad Internet della città quello presso la Sam's ad un prezzo di 20 bath l'ora, mentre il cambio di connessione (molto veloce) ha portato il prezzo a 5 bath al minuto. In alternativa è possibile connettersi presso un Internet Point in Chiang Khan Road nei pressi dell'incrocio con la Soi 18, con una connessione veloce per 40 bath/h.

- Segnalo che sempre alla Sam's è possibile noleggiare un paio di biciclette, ognuna al prezzo di 50 bath al giorno, per noi è stata utile per recarci alla Kaeng Khut Khu.

- A Nong Khai ci è capitato di volerci recare a Khorat in treno; sulla guida vengono segnalati solo i treni che vanno a Bangkok ma che comunque non passano per Khorat. Può essere utile (e nel nostro caso lo è stato) segnalare che l'unico treno che effettua il servizio parte alle 13.03 e arriva alle 19.25. Inoltre invece di scendere all'ultima fermata si può scendere alla fermata precedente (Chum Thang), vicina al centro e ben collegata con taxi e pick-up

- A Ko Chang, il Ko Chang Kacha Resort ha decisamente aumentato i prezzi proponendo stanze doppie standard a 1600 bath e non 400/1000 come indicato. Inoltre, ma questo è solo un parere personale, i giudizi sul Bamboo Hotel e il Cookies Hotel sono piuttosto negativi sulla guida, tanto che in un primo tempo non li abbiamo considerati. Alla fine abbiamo optato proprio per il Bamboo Hotel che per 700 bath ha fornito una struttura pulita e in buona posizione. Abbiamo cenato al Cookies una sera e il barbecue è buono ed economico.

- Il ristorante pizzeria Invito propone pizze con prezzi decisamente alti per la media Thailandese; è vero che l'isola è turistica ma i prezzi delle pizze sono più cari che in Italia: una pizza a 6/8 euro è un po' lontano da quanto segnalato sulla guida.

- A Bangkok segnaliamo in Rabuttri Road l'Hotel Star Dome Inn, che offre belle stanze pulite, con e senza aria condizionata, con prezzi che vanno dai 350 ai 750 bath al giorno e che includono la prima colazione. E' presente un servizio di check box (basta avere un lucchetto), la pulizia della stanza è a richiesta ma effettuabile tutti i giorni. Inoltre, ma forse l'offerta non è presente in tutti i periodi dell'anno, per pernottamenti di quattro giorni (e multipli di 4) la quarta notte costa la metà (non compresa però la prima colazione).

- Forse non guasterebbe che a Bangkok fosse segnalato qualche albergo in più in una fascia intermedia fra gli economici a 200 bath e i medi a 1500.

- Secondo noi è poco evidente che per lasciare la Thailandia dall'aeroporto di Bangkok è necessario pagare 500 Bath; infatti, nonostante avessimo letto nei dettagli la guida sia prima della partenza che in viaggio, il riquadro a pagina 831 proprio ci era sfuggito. Forse posizionato nella pagina dell'aeroporto nella sezione Bangkok (pag. 195) non sarebbe male.

- A pagina 138 viene indicato il Marble House come luogo per i massaggi: abbiamo cercato e interpretato la cartina ma non l'abbiamo trovato. Secondo noi al suo posto ora c'è il Tsukuba Kenkou Center che tra l'altro riporta sulla vetrina la scritta “Ex Marble House”. Alla fine siamo entrati (i prezzi erano quelli indicati sulla guida), ma non sapremo mai se siamo entrati in quello da voi consigliato!

- Segnaliamo inoltre il bus 511 che può essere molto utile per arrivare in Khao San Road partendo dalla stazone dei bus di Ekamai e che attraversa diverse vie importanti di Bangkok quali Th Rama, Th Lan Luang Th Ratchadamnoen e che può anche essere utile per arrivare alla più vicina fermata della Sky train di Ratcathewi.

- Vi ringraziamo della puntualità e della precisione con la quale evidenziate hotel, ristoranti, ma in particolare per le segnalazioni di possibili visite a luoghi un po' meno conosciuti o con modalità diverse da quelle standard. Mi riferisco ad esempio alla segnalazione di Kaeng Khut Khu sul Mekong e alla visita al giardino delle sculture di Sala Kaew Ku. Quest'anno sicuramente la più bella perla è la visita di Kanchanaburi con il treno dei giorni festivi in partenza da Bangkok: è stata una delle più belle giornate trascorse in Thailandia!


Guida EDT/Lonely Planet
India del Sud - Sesta edizione

- Innanzi tutto prima di partire consigliamo di contattare l'UFFICIO NAZIONALE DEL TURISMO INDIANO, con personale molto disponibile, che ci ha inviato numerosi depliant e guide sulle zone da visitare

- Inoltre tutti i luoghi con doppio prezzo per indiani e turisti, accettano il pagamento in dollari americani con cambio $1=R$50. Finché il dollaro è cosi debole conviene pagare in dollari e non in rupie.

- Arrivati all'aeroporto di Chennai (Madras) se non ci si ferma a Madras ma si prosegue verso Tirumala o Mamallapuram, senza farsi portare alla stazione dei bus (circa 20km dall'aeroporto), conviene farsi portare al Gindi Circle (si pronuncia cosi non sappiamo come si scriva) che è a circa 6km dall'aeroporto; ci si passa per forza essendo l'unica strada che dall'aeroporto va verso Madras e da qui prendere uno dei numerosi bus che passano per le due direzioni.

- A Tirumala: l'albergo Sindhuri Park costava R$1300 (tasse comprese) e non R$ 900. Per quella cifra (R$ 950) abbiamo dormito all'Hotel Mayura (in T.P. Area), pulito e con personale molto disponibile; unica nota negativa è la rumorosità vista la vicinanza con la stazione dei bus.

- A Mamallapuram: l'Hotel Sea Breeze costava R$1500 e non R$1000. Si può alloggiare nel più economico Hotel Sea Breeze Annexe (abbastanza pulito) sulla stessa via (300mt prima) che con R$600 permetteva l'accesso alla piscina del Sea Breeze.

- A Pondicherry consigliamo vivamente la Swades Guesthouse, una casa privata nuovissima e pulitissima in Chanda Sahib St al costo di R$500 non a/c e R$800 a/c. Unica nota negativa la moschea è molto vicina. Inoltre segnaliamo l'Hot Breads una panetteria pasticceria in Ambour Salai (lato nord) con croissant più buoni che in Francia!

- A Tanjore abbiamo dormito all'hotel Lion City da voi descritto come pulito: a dire il vero è stato il peggior albergo nel quale abbiamo dormito, l'unico nel quale abbiamo trovato fastidiosi scarafaggi.

- A Trichy consigliamo la colazione a buffet del Femina Hotel: per R$75 si può mangiare di tutto dall'indiano al continentale. Inoltre buona l'indicazione data dalla vostra guida di spostarsi con i mezzi pubblici in questa e in altre città, veramente economici e facili da prendere in città così estese.

- A Madurai abbiamo trovato un clima di totale stravolgimento della città: tubature e marciapiedi in costruzione con la conseguenza che il mercato dei fiori è stato spostato e lo spettacolo luci e suoni al Tirumalai Nayak Palace sospeso.

- A Kanyakumari, sfruttando la bassa stagione abbiamo dormito al bel Melody Park per R$450: molto pulito e in buona posizione (East Car Street).

- A Trivandrum segnaliamo che al Ganapathi Temple abbiamo assistito a un rito induista consistente nel lancio di decine e decine di cocchi; crediamo venga ripetuto tutti i giorni la mattina…molto particolare. Inoltre il biglietto d'ingresso allo zoo ora è di R$10.

- A Varkala alcuni degli hotel consigliati sulla Lonely Planet (Taj Mahal Beach Resort, Evergreen Beach Resort) anche a prezzi non economicissimi erano un po' fatiscenti, molto da alternativi; vista la bassa stagione abbiamo dormito al Puthooram Beach Resort a R$350 molto bello e pulito. Inoltre nello stesso Resort è presente l'agenzia Come4Travel molto efficiente e precisa.

- Contrariamente a quanto scritto sulla Lonely Planet le crociere Kollam-Alleppey in agosto non si effettuano né giornalmente né a giorni alterni ma sono sospese fino al 10 agosto (almeno quest'anno). Mentre, come da voi segnalata, bella la crociera Kottayam-Alleppey che oltretutto costa solo R$10.

- A Fort Cochin abbiamo dormito al Fort Shore (Amravathi Rd, nei pressi di Kunnumpuram Junction), casa privata molto pulita con proprietari disponibili, al prezzo di R$400; segnaliamo inoltre un noleggio bici in Bazar Rd dopo l'imbarco per Ernakulam (R$5 all'ora) mezzo molto comodo per girare sull'isola. La segnalazione di ristorantini economici non è molto ampia: consigliamo il Ristorante Taj Mahal nei pressi di St Francis Church che offre un menu vario economico in un ambiente pulito e curato visto che è stato aperto di recente. Inoltre la Sinagoga è chiusa anche di venerdì contrariamente a quanto scritto sulla guida. A nostro parere è poco segnalato che si può raggiungere Fort Cochin da Ernakulam via bus e non solo utilizzando le imbarcazioni…non sarà comodissimo ma fattibile soprattutto arrivando dalla stazione dei bus.

- A Calicut l'Hyson Heritage offre un buffet a cena ricco e relativamente economico (R$150)

- A Mysore numerose banche che accettano i principali circuiti internazionali si trovano in Vinoba Rd. Inoltre vengono segnalati pochi ristoranti e nessun luogo dove poter fare colazione: sinceramente abbiamo trovato poco anche noi quindi magari è la città che offre poco. Una piccola citazione ci sentiamo di farla per un ciabattino in Sardar Patel Rd nei pressi del mercato che ci ha riparato con grande professionalità e velocità uno zaino con danni che in Italia non avevano neppure preso in considerazione vista la difficoltà dell'intervento…magari dopo giorni e giorni di viaggio può essere utile…R$75 ben spese!

- A Belur nella via principale che porta al tempio ci sono un paio di Internet point. Per raggiungere Hampi da Belur è possibile prendere un bus per Harihar e da qui cambiare: ce n'era uno alle 7.45.

- Ad Hampi la Rama Guesthouse, oltre alle quattro pulitissime doppie che voi segnalate ce ne sono altre quattro non ristrutturate e che non ci sono sembrate un granché, come pure la pulizia del ristorante. Hampi è una città sacra e di conseguenza tutto il cibo è rigorosamente vegetariano; recandosi però al KSTDC Hotel Matura Bhuvaneshwari di Kamalapuram (a 5km) è possibile pranzare a base di pollo e capra.

- Per raggiungere Badami da Hampi la strada è buona e contrariamente a quanto scritto sulla guida in 4h e mezza si arriva a destinazione. I luoghi di ristoro segnalati a Badami sono quasi tutti bar alla buona frequentati in gran parte da persone un po' alticce. Segnaliamo i due ristornati del Rajsangam in particolare quello più interno non visibile della strada che propone sia menu vegetariani che non vegetariani

- La descrizione di Aurangabad è fortemente negativa, ma quantomeno la parte centrale e la zona attorno ai bus è più che vivibile. Consigliamo in Samarath Nagar il nuovissimo il King's Court, bel ristorante con un ricco menu.

- A Mumbai discreta l'Apollo Guest House (R$850) nel quartiere di Colaba di fronte alla stazione di polizia.


OSSERVAZIONI alla
Guida EDT/Lonely Planet
Cina - Terza edizione

- A Pechino segnaliamo il Kyo Nichi un buon indirizzo dove mangiare proprio nelle vicinanze di piazza Tienamen a sud della porta anteriore.

- Il biglietto del bus per Badaling è passato da 10 a 12 yuan.

- Assolutamente carenti le informazioni su Zhengding: non c'è alcuna cartina forse più utile che quella di Shijiazhuang che non ha nulla da offrire e nemmeno un indirizzo su dove dormire; segnaliamo il Huayang Vacation Hotel (268 Yuan con colazione) un albergo pulito e confortevole. Inoltre nei pressi della Pagoda Torreggiante segnaliamo l'ottima pasticceria Misabel – Mian Bao.

- Non abbiamo trovato alcuna informazione sui bus partenti da Shijiazhuang per Taiyuan e Pingyao. A Shijiazhuang sono presenti due stazioni dei bus ma sulla guida ne viene segnalata una sola con la conseguenza che abbiamo perso tempo inutile per capirlo e raggiungerla. C'è un servizio bus regolare che le collega in circa 20 minuti.

- Il biglietto del bus da Taiyuan a Pingyao è passato da 20 a 25 yuan.

- Sia a Pingyao che a Xian con la tessera studenti è possibile entrare alla metà del prezzo intero.

- A Pingyao segnaliamo il ristorante Zhang li all'incrocio tra Nan Dajie e Chenghuangmiao Jie, economico in un bell'ambiente e con personale che parla inglese.

- A Xian il bus 603 a due piani è un mezzo comodo che parte dalla porta sud percorre la Nan Dajie passando per la torre della campana e che arriva fino alla stazione dei treni e dei bus.

- Pochi gli hotel segnalati a Luoyang quando invece nella sola via del Mingyuan Hotel ne abbiamo contati 4 – 5. Proprio nella via del Mingyuan Hotel, in direzione del Carrefour, a circa 500m segnaliamo un ristorantino semplice ma nuovo e pulito con gli interni completamente bianchi (lo si vede anche dall'esterno visto le ampie vetrate) in cui si mangia veramente bene…purtroppo le insegne e i menu sono solo in cinese.

- Assolutamente troppo decantata per ciò che ha da offrire la città di Kaifeng che abbiamo inserito nel nostro itinerario visto le lusinghiere parole introduttive ma che non sono state confermate dalla realtà.

- A Kaifeng non viene indicato dove è possibile effettuare il noleggio bici ma viene genericamente indicato di rivolgersi agli alberghi di fascia economica; abbiamo dormito nel più economico degli unici tre hotel indicati e non era possibile effettuare il noleggio bici.

- A Qufu il biglietto cumulativo per visitare i tre siti (tempio, casa e foresta di Confucio) è passato da 105 a 150 yuan.

- Senza dubbio la nota più negativa: abbiamo dormito nel Xiuxian Hotel e visto il Shitouji Hotel gli unici due alberghi segnalati in fascia economica, uno peggio dell'altro e non viene indicata la presenza del Qufu Youth Hostel affiliato alla Hostelling International più nuovo e pulito.

- A Nanjing segnaliamo il ristorante The King in Changle Lu una bella esperienza culinaria dove dopo aver ordinato un brodo che viene posto su un fornello direttamente in tavola è possibile cucinare pesce, carne e verdura prelevate a self service da un frigo al prezzo fisso di 30 yuan per una trentina di spiedini.

- A Suzhou non viene segnalato il Mingtown Youth Hostel forse il più bell'ostello nel quale abbiamo dormito durante il viaggio, ricavato da un'antica abitazione (anche i letti a baldacchino sono in stile) e completamente ristrutturato.

- Per recarsi a Tongli da Suzhou non è ben chiaro da dove si deve prendere il bus.

- L'escursione in battello a Suzhou parte alle 19.00 e non alle 18.30, dura 60 minuti e non 80 e costa 50 yuan e non 35.

- Nel mese di agosto l'ingresso ai giardini di Suzhou era da alta stagione contrariamente a quanto segnalato nella guida.

- Ci sembra che la distanza di 4km indicata per raggiungere il ponte della Cintura Preziosa sia una stima troppo ottimistica visto che abbiamo impiegato quasi un'ora per giungere nella zona del ponte. Inoltre la strada è attualmente interrotta per lavori di ampliamento di corsia.

- Ad Hangzhou è stato istituito un servizio per il noleggio di biciclette diffuso capillarmente (in più di 15 chioschi) gratis la prima ora, 1 yuan per la seconda e al costo di 3 yuan l'ora per le successive.

- L'ingresso a Wuzhen è passato da 60 a 100 yuan con tempo di percorrenza del bus da Hangzhou attorno all'ora e mezza e non di solo un'ora come segnalato.