Programma  
Enti sostenitori  
Gli ospiti  
I luoghi  
Il progetto  
Chi siamo  

Links

 

 
Home  

IL PROGETTO

Il progetto vuole affrontare il tema dei modelli familiari del continente africano attraverso una rassegna cinematografica selezionata e di qualità. Tutti i film proposti sono infatti stati ospitati nelle diverse edizioni del Festival del Cinema Africano di Milano. Il progetto affronterà diverse realtà e situazioni familiari del continente nero, toccando anche temi quali, l’identità culturale del popolo africano, la natura, l’emarginazione. Il progetto vuole dare diffusione ad una cultura “diversa” dalla nostra, in una realtà piccola quale può essere Rovigo, ma che, come tutto il Nord Est, sta rapidamente entrando in contatto con persone portatrici di esperienze e valori culturalmente differenti, per offrire un piccolo contributo ad un processo di condivisione di culture, di convivenza fra popoli, di interculturalità. In quest’ottica si è pensato di utilizzare uno strumento diretto quale è il cinema fatto da registi e attori africani in lingua originale (con sottotitoli) per far conoscere soprattutto ai più giovani quanto la ricchezza culturale africana possa dare alla nostra. Per la realizzazione ci si è avvalsi di enti competenti quali il COE (promotore del Festival del Cinema Africano di Milano), l’Accademia dei Concordi e l’Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo. Per quanto riguarda le iniziative volte a migliorare la conoscenza relativa al mercato dei prodotti alimentari e all’identità culturale dei popoli vista attraverso il cibo si inserisce la serata conclusiva con cinema, musica e cena multietnica con le specialità tipiche del variegato mondo africano.


COMUNICATO STAMPA del 9 aprile 2005
SERE D'AFRICA: IMMAGINI, SUONI E SAPORI DEL GRANDE CONTINENTE NERO

Mondo Africa: un mondo vicino e così lontano. Vicino a noi: volti, linguaggi, incontri nelle nostre città. Lontano da noi: mondo così diverso e poco noto. Chi sa riconoscere quale fonte inesauribile di bellezza e umanità sia l’incontro con il diverso apprezzerà certamente le proposte di "Sere d’Africa", un viaggio cinematografico, musicale e culinario nel continente nero alla scoperta della realtà e della poesia dell’Africa attraverso una serie di film diretti e interpretati da africani, a partire dal 21 aprile.
Il percorso affronta narrativamente temi come l’autenticità del rapporto semplice tra un bambino e una anziana messa ai margini della comunità del villaggio (Yaaba, 21 aprile), la ricerca dell’identità individuale e collettiva (Piece d’Identités, 28 aprile), l’importanza della tradizione orale per la trasmissione della cultura africana (Keita, l’heritage du griot, 12 maggio), l’incontro-scontro tra tradizione e modernità (Le medecin de Gafiré, 19 maggio), l’accoglienza del più debole (Garba, 5 maggio, seguito da dibattito). Di particolare interesse è la proiezione del famoso film d’animazione per bambini "Kirikù e la strega Karabà", in programma lunedì 9 maggio presso il Multispazio Ragazzi. "Sere d’Africa" si concluderà il 21 maggio, giornata internazionale della mondialità, con un nutritissimo programma. Alle 18.30 ci sarà un dibattito su "Pari opportunità: l’Africa e lo sviluppo equilibrato", seguito dalla proiezione di "A nous la rue", un film sulla variopinta vita di strada dei bambini africani. Alla scoperta dei sapori della tradizione culinaria africana è dedicato il buffet che si terrà presso il Ristorante Cinema Apollo, mentre il gruppo senegalese Sunu Africa proporrà i ritmi, le tradizioni musicali e i costumi del West Africa nella suggestiva cornice di Piazza Garibaldi.

Tutte le iniziative sono gratuite. Maggiori informazioni sul sito www.linpha.it/seredafrica

Iniziativa sostenuta dall'Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit della Regione Veneto e dall'Osservatorio regionale sulla condizione giovanile - Progetto Junior e in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo

Gruppo STOconTE
seredafrica@linpha.it, www.linpha.it/seredafrica


COMUNICATO STAMPA del 26 aprile 2005
SERE D'AFRICA: IMMAGINI, SUONI E SAPORI DEL GRANDE CONTINENTE NERO

Si è avviata con successo giovedì scorso alla Sala della Gran Guardia a Rovigo l’iniziativa “Sere d’Africa”, con la prima serata dedicata al cinema africano. La proiezione del film “Yaaba”, storia di una straordinaria e contrastata amicizia tra un bambino e un’anziana emarginata di un villaggio africano, ha suscitato l’interesse di numerosi cittadini che hanno accolto favorevolmente la proposta di incontrare un mondo diverso eppur così ricco come quello dell’Africa attraverso il mezzo coinvolgente e poetico del cinema fatto e interpretato da africani.
Il prossimo appuntamento, giovedì 28 aprile alle 21.15 sempre alla Sala della Gran Guardia, prevede la proiezione del film “Piece d’identites”, esplorazione della formazione-riformulazione di un’identità individuale e collettiva tramite l’incontro-scontro tra culture diverse (africana ed europea). Un vecchio re del Congo parte per il Belgio alla ricerca della figlia di cui non ha più notizie. Il re indossa i suoi simboli reali che in Europa appaiono “folcloristici”. Il ritrovamento della figlia, divenuta ballerina di night, gli svela improvvisamente i grandi e rivoluzionari mutamenti della società. Fatta lezione di questa esperienza ipotizza una nuova identità per sé e per il suo popolo.
Si tratta di un cinema che fa scoprire, che sfida, che spinge anche noi a metterci in discussione e a riformulare la nostra identità in rapporto alla diversità di una cultura altra, che ha pur così tanto da dare. Per chi sa accogliere le sfide.

L'ingresso è gratuito. Maggiori informazioni sul sito www.linpha.it/seredafrica

Iniziativa sostenuta dall'Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit della Regione Veneto e dall'Osservatorio regionale sulla condizione giovanile - Progetto Junior e in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo

Gruppo STOconTE
seredafrica@linpha.it, www.linpha.it/seredafrica


COMUNICATO STAMPA del 4 maggio 2005
I RODIGINI ACCOLGONO LA SFIDA

L’incursione cinematografica nel mondo africano proposta dall’iniziativa "Sere d’Africa", lanciata come sfida per aprire gli orizzonti umani e culturali della città di Rovigo, continua a riscuotere sempre maggiore successo. Giovedì scorso la proiezione del film "Piece d’identites" di Mweze Ngangura, storia di un re africano alla ricerca della propria figlia in Europa e storia dell’Africa a contatto con l’Europa, ha visto una Sala della Gran Guardia gremita di pubblico. Il programma prevede per i prossimi giorni l’appuntamento di giovedì 5 maggio alle 21.15 presso la Chiesa di San Michele con la proiezione del cortometraggio "Garba" di Adama Roamba, film girato in Burkina Faso, paese con cui la città di Rovigo inizia ad avere contatti sempre più intensi. E’ la storia di Garba, un bambino portatore di handicap che vive di elemosina. L’incontro con David lo salverà, ma per il suo gesto di solidarietà David andrà incontro all’opposizione della moglie, appartenente ad una famiglia influente della città. Al film seguirà un dibattito coordinato dal presidente dell’Associazione per la Cooperazione allo sviluppo dell’Africa, gruppo che ha tra le finalità il migliorare del ruolo e della condizione femminile nei vari ambiti e la riorganizzare dei territori per frenare la desertificazione. Da non dimenticare inoltre l’appuntamento dedicato ai bambini previsto per lunedì 9 maggio alle 17.00 presso il Multispazio Ragazzi in P.zza Garibaldi, 31 (di fronte al Teatro Sociale). Verrà presentato il famoso e bellissimo film d’animazione "Kirikù e la strega Karabà", di Michel Ocelot. Tratto da una fiaba africana, il cartone animato narra le vicende di Kirikù, un piccolo bambino nato in un villaggio africano sul quale pesa il terribile sortilegio di una strega di nome Karabà. Appena nato Kirikù decide di liberare il villaggio dal maleficio di Karabà e di scoprire la ragione della sua crudeltà. Una storia ricca di magia e suggestioni che appassionerà bambini ed adulti. Presso il Multispazio Ragazzi, nella stessa data, verranno esposte alcune opere a tema dell’artista rodigino Luca Vallese.

L'ingresso è gratuito. Maggiori informazioni sul sito www.linpha.it/seredafrica

Iniziativa sostenuta dall'Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit della Regione Veneto e dall'Osservatorio regionale sulla condizione giovanile - Progetto Junior e in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo

Gruppo STOconTE
seredafrica@linpha.it, www.linpha.it/seredafrica


COMUNICATO STAMPA del 10 maggio 2005

Continua con grande successo la rassegna "Sere d’Africa", come ha dimostrato la partecipazione attiva ed interessata del pubblico agli ultimi due appuntamenti in programma. Gli spunti di riflessione offerti dal cinema africano si sono arricchiti del coinvolgimento del mondo dell’associazionismo, dell’arte e dei piccoli. Giovedì scorso infatti alla Chiesa di San Michele alla proiezione del cortometraggio "Garba", che dipinge la dura vita dei ragazzi di strada in Burkina Faso, ancor più dura per chi è portatore di handicap, è seguito un coinvolgente dibattito guidato dal presidente dell’ACSA (Associazione per la Cooperazione e lo Sviluppo dell’Africa) Piergiuseppe Romagnolo, che ha saputo ben cogliere gli spunti offerti dal cortometraggio e dai film precedenti per disegnare un ritratto della realtà a lui ben nota del paese, il Burkina Faso appunto, in cui da alcuni anni la comunità rodigina, e l’ACSA in particolare, sono divenute sempre più operative. Si è avviato così un partecipato dibattito, a cui, oltre ai numerosi presenti, è intervenuta anche la Prof.ssa Maria Grazia Avezzù in rappresentanza dell’UNICEF locale, sui temi della condizione dei bambini e delle donne nei paesi africani, dell’emarginazione che paradossalmente fa seguito al modello di famiglia allargata, della urgenza di interventi che siano al tempo stesso culturali (scuola, educazione, formazione) ed economici, e soprattutto rispettosi dell’identità e delle tradizioni locali. Ed è appunto tramite la conoscenza dell’altro e l’apertura a ciò che è diverso che si possono fare i primi passi verso una società del rispetto e della solidarietà.

L’appuntamento di lunedì 9 maggio ha visto invece protagonisti i bambini, che, al Multispazio Ragazzi a Palazzo Nagliati, hanno assistito entusiasti alla proiezione del film d’animazione "Kirikù e la strega Karabà", bellissima fiaba che ha trasportato la fantasia dei bimbi nel lontano ed affascinante mondo dell’Africa tra incantevoli sonorità e colori. Ma tra le righe di questa magica storia è stato possibile leggere per gli adulti presenti la realtà di un’Africa fatta di tradizioni orali e credenze popolari, di un tessuto sociale basato sulla famiglia allargata, e anche di problemi come la desertificazione e la carenza d’acqua. Ad arricchire questo momento la presenza delle opere dell’artista polesano Luca Vallese, evocative realizzazioni ricche di contaminazioni etniche acquisite dopo anni di esperienze a contatto con il mondo africano (oltre ad avere maturato numerose esperienze nelle arti figurative Vallese è infatti membro del gruppo musicale multietnico degli African Brothers). Le sue opere potranno essere ammirate anche giovedì 12 maggio presso la Sala della Gran Guardia, in concomitanza con la proiezione del prossimo film in programma, "Keita, l’heritage du griot", un tuffo nella tradizione orale africana tramandata dalla potente figura del griot, che avvince e ammalia l’ascoltatore con i suoi magici racconti.

L'ingresso è gratuito. Maggiori informazioni sul sito www.linpha.it/seredafrica

Iniziativa sostenuta dall'Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit della Regione Veneto e dall'Osservatorio regionale sulla condizione giovanile - Progetto Junior e in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo

Gruppo STOconTE
seredafrica@linpha.it,
www.linpha.it/seredafrica


COMUNICATO STAMPA del 18 maggio 2005

Volge ormai al termine la fortunata rassegna "Sere d’Africa", ma restano ancora due momenti importanti per conoscere un po’ più da vicino il grande continente nero. L’ormai consueto appuntamento del giovedì, che ci ha proposto nell’ultimo incontro una riflessione sulla figura dei griot, gli avi depositari della conoscenza delle origini e delle tradizioni familiari, si arricchirà di un ultimo capitolo, programmato per questa sera alle ore 21.15 presso la sala della Gran Guardia con il film LE MEDICIN DE GAFIRE', pellicola doppiata in italiano. Karunga, giovane medico, si scontrerà con Ouba, un guaritore tradizionale operante da anni con grande successo; il medico, dopo una profonda crisi apprenderà, grazie agli insegnamenti del guaritore, i segreti della medicina tradizionale.

L'appuntamento finale sarà sabato 21 maggio con incontri che potranno accontentare esigenze diverse. Si inizierà alle 18.30 presso la sala della Gran Guardia con un dibattito dal titolo Pari opportunità: L’Africa e lo sviluppo equilibrato con interventi mirati e competenti quali quello Padre Giuseppe Puttinato, direttore del Comboni College di Khartoum (Sudan); a seguire la proiezione del cortometraggio A NOUS LA RUE, sequenza di fresche immagini che ritraggono i bambini sul palcoscenico della strada.Alle ore 20.00 ci si sposterà presso il Ristorante dell’ex Cinema Apollo per scoprire gli aromi e i sapori della cucina africana con alcune pietanze e dolci preparate per noi da concittadini provenienti dalla Guinea Bissau e dalla Nigeria.

Infine, presso la piazza Garibaldi, alle ore 21.15 potremo concludere questo ricco mese di iniziative con il concerto gratuito del gruppo senegalese SUNU AFRICA per scoprire i ritmi e le tradizioni del West Africa.Poche righe per inquadrare la caratura del gruppo: fondato da Sena M'Baye, primo percussionista e danzatore del Teatro Nazionale del Senegal "Daniel Sorano" di Dakar, il gruppo si distingue per la spettacolarità scenica, che traduce realisticamente il colore e la tradizione che le danze e i ritmi vogliono rappresentare. Numerose le partecipazioni a manifestazioni di rilievo a livello italiano ed europeo tra cui degne di nota Festival di Sanremo, World Rhythm Festival, Umbria Jazz, Festival Nanga Def in Belgio, Festival internazionale Musica Alberobello oltre a molti interventi televisivi per Rai Uno, Rai Due, TMC, Rete Quattro, TG Cinque.

L'ingresso è gratuito. Maggiori informazioni sul sito www.linpha.it/seredafrica

Iniziativa sostenuta dall'Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit della Regione Veneto e dall'Osservatorio regionale sulla condizione giovanile - Progetto Junior e in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali e la Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo

Gruppo STOconTE